La verità sui migranti

 

Un tema che forse esula dalla normale routine di questo sito ma è bene approfondire un pò questo argomento visto che tocca da vicino non solo noi come esseri umani ma anche la nostra già devastata economia.

Il video linkato in top-page , come credo sappiate, parla dei flussi migratori in atto dalla Libia alle nostre coste. Iniziamo subito col cercare di far capire, a chi non ha dimestichezza della questione, chi sono i migranti. Migranti sono quel gruppo di animali , persone o popoli che migrano da un luogo ad un altro. Cioè che si spostano da un luogo A ad un luogo B. Un pò come fanno le anatre, i bufali e le popolazioni dei rom. Cosa centra questo con i migranti “salvati a largo del canale di Sicilia”? Nulla! Loro non sono migranti. Sono profughi? Profugo è chi è costretto a lasciare la propria patria a causa di calamità naturali, guerre ecc. ? No! In realtà sono circa il 15-18% i profughi che “sbarcano” sulle Nostre Coste. Sono clandestini? “Era da quando hanno abolito la Bossi-Fini che non sentivate questo termine dite la verità.” In realtà si e no. La maggior parte di queste persone, prima di “essere tratte in salvo a largo del canale di Sicilia” vengono prelevate a forza dalle loro abitazioni e tenute in gabbie in attesa che, qualche buon “salvatore” , vada a salvarle nel “a largo del canale di Sicilia”. Quello a cui stiamo assistendo non è un flusso migratorio o un esodo di profughi è una vera e propria invasione di massa. Ora,  sono poche le ragioni per le quali si decide di invadere un territorio. 1) Occuparlo. Trovare un territorio libero e fertile prevede una occupazione al fine di stabilirsi e rendere abitabile quel luogo. 2) Invaderlo. Studiare una strategia per invadere e conquistare un territorio ostile o  di interesse , quindi ritenuto colmo di risorse utili ma già occupato, con tutte le forze che si hanno a disposizione. “Cosa che, a quanto dicono i tg, stanno tentando di fare i “”terroristi”” dell’Isis. Ovviamente usano una strategia impeccabile, una strategia sulla quale Sun Tzu potrebbe scrivere altri 40 libri. Questi “”terroristi”” cercano di invadere e conquistare l’occidente non colpendo punti strategici o sensibili come caserme, banche, depositi militari, basi militari, sistemi informatici ecc. No signori! Questi maestri della guerra e della strategia vogliono conquistare l’occidente facendo saltare qualche pazzo strafatto qua e la senza alcuna logica. Che cosa strana se ci si sofferma a pensarci per un attimo, vero? “  3) Sostituzione. La graduale sostituzione delle popolazioni autoctone di un territorio per fini di lucro.

A questo punto la logica ci porta a focalizzare l’attenzione sulla terza opzione. Il continuo afflusso di persone provenienti da zone “disagiate” ha come unico scopo la creazione di disuguaglianze sociali ed il lento e inesorabile abbassamento del costo del lavoro. Tralasciando le favolette che i vari “signori” in giacca e cravatta vi raccontano sull’accoglienza e sul mondo che è di tutti e che non ha confini (a questo proposito vorrei chiedere, a chi crede a queste favole, visto che il mondo non ha confini e tutto appartiene a tutti su questa terra, di iniziare a smontare le porte ed i cancelli dalle vostre abitazioni. Il mondo è di tutti ed i confini sono il simbolo del razzismo giusto? Allora perché avete dei “confini” a proteggervi? Perché avete quella porta blindata o quel cancello di acciaio a delimitare la vostra proprietà?) l’unica motivazione per la quale questo flusso migratorio non accenna a fermarsi è questa, l’abbattimento del costo del lavoro, cioè la diminuzione dei salari e l’aumento delle ore e delle giornate lavorative, la creazione di odio e disuguaglianza sociale e la distrazione della popolazione dai problemi che attanagliano l’unione monetaria europea. Queste sono le uniche ragioni logiche e non ne esistono altre. Se volete ve le spiego nel dettaglio.

– L’abbassamento del costo del lavoro o ,come ai tecnici U.€. piace chiamarlo, la competitività sul mercato, lo si ha quando ad un lavoratore gli si abbassa il salario e gli si aumentano le ore di lavoro con un relativo aumento di “competitività”.  Con il cambiare delle leggi in materia lavorativa, dettate direttamente dalla U.€. per la maggior parte, si è creta la condizione che, ad un imprenditore, conviene prendere a lavorare due migranti a metà del prezzo di un operaio. In questa situazione l’operaio o si adegua al “nuovo mercato del lavoro” o viene fatto fuori. Evito di soffermarmi sul lavoro in nero ,lo sfruttamento e sul giro di denaro che c’è dietro questa tratta di schiavi perché, signori miei, purtroppo la situazione che la U.€. ha creato incentiva proprio questo ed i soldi che le ONG e chi accoglie i “migranti”  fanno sono spiccioli rapportati ai guadagni di chi ha la possibilità di avere lavoratori che lavorano praticamente gratis.

-Disuguaglianza sociale e odio sono generati dal disagio sia dei nuovi schiavi sbarcati nel Paese, (di quelli che le  ONG hanno deciso che andavano salvati, si perché c’è chi viene salvato e chi, ogni tanto, giusto per farci venire i sensi di colpa, viene fatta affondare su di una carretta del mare), costretti a stare rintanati in qualche buco, o piazzati in comodi alberghi con piscina ad oziare tutto il giorno e sia dagli Italiani che vedono queste persone come un male perché oziano tutto il giorno e gli rubano il lavoro.

Tutto questo per permettere a pochi di arricchirsi , per permettere a grandi aziende di essere competitive sul mercato sfruttando ed acquistando a poco prezzo le ricchezze dei Paese capitati in questa trappola ,per far distogliere l’attenzione della popolazione dalla vera MALATTIA ai semplici sintomi.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + 6 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.